ELETTRICIT

Partitori di tensione

Può capitare di avere a disposizione un generatore con una tensione fissa V ed aver bisogno di utilizzare invece tensioni variabili. In questo caso si può ricorrere ad un partitore di tensione. Questo non è altro che una resistenza variabile, di modo che la tensione ai suoi capi può essere regolata a piacere.

 

Se  V = Va Vc    la differenza di potenziale (d.d.p.) totale sulla resistenza totale R

V1 = Vb Vc  è la d.d.p. sulla parte di resistenza R1, allora:

        

perché I è la stessa.

Attenzione

Questa equazione è valida esattamente solo per un partitore aperto (senza carico) ed ha una grande precisione nel caso di correnti piccole (resistenza di carico molto grande).

Infatti, se Rc la resistenza di carico, calcolando Req otteniamo:

 

Per ricavare V1 necessario calcolare la corrente I1 che scorre attraverso R1. Da I = I1+Ic e I1R1 = IcRc si calcola

e quindi

sostituendo l'espressione gi trovata per Req

Si vede che se Rc molto grande (R-R1)R1/Rc una quantit piccola e V1 circa uguale a VR1/R.

 

INDICE
CORRENTE ELETTRICA
CIRCUITI ELETTRICI
Resistenza Interna di un Generatore
Leggi di Kirchhoff
Resistenze in Serie
Resistenze in Parallelo
Partitori di Tensione
Misure di Corrente: Amperometro
Misura di Tensione: Voltmetro
Lavoro e Potenza Elettrica
Effetto Joule
Capitoli in formato Acrobat pdf
Capitolo I
Capitolo II




   COLLEGAMENTI
  AVANTI
  INDIETRO
  INDICE ESPANSO
  HOME
   



Gray line
Copyright © ISHTAR - Ottobre 2003